tenuta-santi-giacomo-filippo-storia01

La Storia

Il restauro del borgo

La Tenuta Santi Giacomo e Filippo è il risultato di un attento restauro conservativo che ha riportato a nuova vita le antiche case coloniche di un borgo rurale tipico delle Marche, altrimenti destinato all’abbandono. Il rispetto del territorio è il principio a cui si sono ispirate le opere di bioarchitettura, attraverso l’uso di materiali naturali e l’adozione di sistemi eco-compatibili per la produzione di energia, facendo sì che i vecchi fabbricati e la natura circostante potessero esprimere tutta la forza della storia.

tenuta-santi-giacomo-filippo-storia02
tenuta-santi-giacomo-filippo-storia03

All’interno della Tenuta si possono ammirare ancora diversi ruderi di case-torri, come i siti di Ca’ Lombaia, Ca’ Lanciamolino o Ca’ Rosello, simbolo del processo di appoderamento delle campagne in epoca medioevale, quando la torre cittadina fu traslata al di fuori delle mura a difesa del lavoro agricolo, testimone silente di un orgoglio contadino a cui si rende omaggio nel logo della Tenuta.

Le terre di Raffaello Sanzio

Come dimostrano gli atti dell’Archivio di Stato di Urbino, una parte delle terre della Tenuta apparteneva alla nonna paterna di Raffaello Sanzio, Isabecta De Lominis, madre di Giovanni Santi. Certa è anche la frequentazione di questi luoghi da parte dello stesso Raffaello Sanzio e del Duca di Montefeltro, che qui aveva il suo casino di Caccia.

tenuta-santi-giacomo-filippo-storia04
tenuta-santi-giacomo-filippo-storia05

“In tertia vero parte posuerunt unam petiam terre vineate positam in dicta villa, cum domo / ipsi contigua, mediante via, iuxta res Batiste Lominis a duobus lateribus et viam, cum parte macine ad / guatum; item unam petiam terre canetate positam in dicta villa iuxta viam et res dicti / Batisti; item unam petiam terre silvate positam in dicta villa iuxta res dicti Batisti; / item duas cuplas terre de campo, qui vocatur el campo grande, iuxta stratam rigalem, viam, / res dicti Batisti et res fabrice Episcopatus, et masaritias que sunt in castro Montis Fabrorum, / videlicet unum scrineum et unam cassam; item unam petiam terre fenate positam in dicta villa / iuxta res domini Angeli de Gallis, andamentum et alia latera, et duos ducatos sibi promissos / per dictam Magiam pro ellectione dicte prime partis. Quam tertiam partem dicta Isabecta, cum / consensu et volunctate dictarum aliarum suarum sororum, cum aliis quinqueginta ducatis habitis per eam / de bonis dicte hereditatis in dotem et pro dote hoc modo, videlicet in denariis et pannis triginta ducatos et / unam petiam terre culte positam in curte Colburdoli iuxta andamentum, res ecclesie Sancte / Marie Murciole et res heredum Andree Renti, quam dixit habuisse pro extimatione Xxti ducatorum, ellegit, / asumpsit et acceptavit et de ea se tagictam et contentam vocavit cum consensu et voluntate dicti / sui mariti.” (Estratto Forcuini. Sezione Archivio di Stato di Urbino, Fondo Notarile, not. Vanni Simone di Antonio, vol. 4, c. 153r – 154r, particolare di c. 153v.)