Fabio Tombari ed il Territorio Marchignolo

La bellezza e la poesia degli abitanti nei territori di confine tra Marche Romagna

Marche e Romagna Hotel

Giacomo Leopardi? Gioacchino Rossini? Nelle Marche sono nati tantissimi personaggi di spicco che hanno fatto la nostra Storia, dalla letteratura alla musica… Ma, oltre ai Grandissimi da sempre nominati, quanti altri uomini e donne della nostra Regione sono stati riconosciuti per il loro genio o per la loro arte? Uno fra tutti è Fabio Tombari. Nasce a Fano nel 1899 e faceva il maestro in una piccola frazione del territorio del Montefeltro, Rio Salso a pochi passi dalla Tenuta Santi Giacomo e Filippo. La sua popolarità è cresciuta dopo l’assegnazione del Premio dei Dieci per la Tombariletteratura con il libro “Le Cronache di Frusaglia”, ed è esplosa con il Premio Collodi ed il Soroptimist nel 1956 per “Il libro di Tonino”. La sua notorietà è però circoscritta in quegli anni: i suoi libri venivano letti assieme alle maestre nelle scuole elementari, essendo effettivamente dei libri per bambini. Da una lettura fatta ai giorni d’oggi, possiamo riscontrare il suo amore per il Territorio e la tipica Routine di quei tempi: dalla cura degli animali alla coltivazione della terra, da piccoli episodi domestici al tramandare delle tradizioni. E’ importantissimo non perdere questi fiori all’occhiello, memorie di un passato non molto lontano ma già estremamente differente dalle generazioni attuali. E’ possibile trovare i suoi scritti all’interno delle Biblioteche oppure scaricare il file pdf direttamente sui nostri dispositivi.