La ricetta originale del Vin Brulè

Come scaldarsi nelle fredde serate invernali.

vino biologico urbino

vino biologico urbinoUna ricetta millenaria, tramandata di generazione in generazione ed esportata in tutti i paesi del nostro continente… Di cosa parliamo? Del Vin Brulè! Il suo antenato lo possiamo trovare addirittura nell’Antica Roma con il “Conditum Paradoxum”, avente questa particolare ricetta: Vino Rosso, Miele, Pepe, Foglie di Nardo, Zafferano e Datteri. Nel tempo ha subito tantissime variazioni, differenti soprattutto per la zona di diffusione: un esempio è l’aggiunta del cardamomo in Germania, oppure del Cognac nel vino caldo in Svezia. Ed è proprio da quest’ultima variazione che il Vin Brulè, o più semplicemente il Vino Caldo Speziato, viene associato al periodo dell’avvento: accompagnato da biscotti alla cannella, si trovava in tutti i mercatini natalizi con il suo dolce ed inconfondibile odore. In Italia, ha preso piede soprattutto nelle fredde regioni del Nord snocciolandosi poi per tutto lo stivale. Ma qual è la vera ricetta? Gli artigiani di ogni paesino sono fedeli a quella che conoscono da sempre e non si pronunciano per svelarne il segreto… Ma con pochi ingredienti, ci si può improvvisare a farlo in casa. Ciò che occorre? Vino Rosso (preferibilmente di vitigno Schiava), Vino biologico rossoArance, Chiodi di Garofano, Cannella e Zucchero!

Provatelo con il nostro vino Fogliola Rosso. Imperdibile